Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Importante: android 15 rivoluziona la diagnostica hardware e la ricarica rapida

Scopri come Android 15 sta cambiando il panorama della diagnostica hardware con nuovi strumenti avanzati, e come la velocità di ricarica rapida è stata significativamente migliorata.
  • Introdotto uno strumento di diagnostica hardware integrato in Android 15 per testare display, touch screen, batteria e memoria di archiviazione.
  • La velocità di ricarica rapida è stata aumentata da 7,5W a 20W, superando le soglie precedenti.
  • Nuove opzioni avanzate per la diagnostica della batteria, mostrando dati come numero di cicli di ricarica e capacità residua.

Con l’introduzione della beta 3 di Android 15, Google ha compiuto un significativo passo avanti nell’ambito della diagnostica hardware per dispositivi mobili. Diagnosticare autonomamente problemi hardware su smartphone o tablet Android è spesso un’impresa ardua e non intuitiva per molti utenti. Tuttavia, Google ha semplificato questo processo integrando uno strumento di diagnostica direttamente nel sistema operativo Android 15. Questo strumento consente agli utenti di verificare autonomamente il corretto funzionamento dei componenti chiave del dispositivo prima di rivolgersi all’assistenza tecnica.

L’esistenza di questo strumento è stata scoperta da Android Authority nell’ultima beta di Android 15. Anche se non è ancora abilitata di default, è possibile attivarla manualmente andando in Impostazioni > Sistema > Diagnostica dispositivo. Lo strumento di diagnostica presenta due sezioni principali: Integrità componenti e Modalità valutazione. La prima permette di eseguire test manuali su display, touch screen, batteria e memoria di archiviazione. Ad esempio, per il display, è possibile verificare la presenza di pixel morti, perdite di luce o alterazioni del colore. Per la batteria, lo strumento mostrerà la percentuale di capacità residua, la data di fabbricazione, la data del primo utilizzo e il numero di cicli di carica. La memoria di archiviazione può essere verificata per la vita residua e la capacità totale.

La Modalità valutazione è più complessa e richiede l’utilizzo di un altro dispositivo compatibile. Il processo di valutazione prevede la scansione di un codice QR e l’accesso a internet per eseguire i test. Questo strumento di diagnostica hardware in Android 15 fornirà una panoramica generale sullo stato di salute del dispositivo, individuando problematiche con schermo, batteria e memoria, evitando così inutili visite al centro assistenza.

Incremento della Velocità di Ricarica

Un altro aspetto rilevante emerso dall’analisi del codice dell’ultima beta di Android 15 riguarda la velocità di ricarica. Fino ad oggi, le soglie nel codice AOSP di Android classificavano come “ricarica veloce” una ricarica che superava i 7,5W, mentre una ricarica inferiore a 5W era considerata lenta. Questi valori sono ormai lontani dalla realtà attuale, dove la maggior parte degli smartphone supera ampiamente i 7,5W di ricarica.

Con Android 15, Google sembra voler alzare l’asticella della ricarica rapida. Secondo quanto scoperto da Android Authority nel codice della Beta 3 di Android 15, la soglia della ricarica rapida dovrebbe essere alzata da 7,5W a 20W. I produttori saranno comunque liberi di intervenire su questi valori per adattarli ai propri dispositivi. Questo cambiamento, ancora in fase embrionale nella beta, dovrebbe interessare principalmente gli utenti Pixel. Ad esempio, i possessori di Pixel 7a e Pixel 8a, che attualmente supportano una ricarica rapida con velocità massima di 18W, potrebbero non vedere più la dicitura “ricarica veloce” a schermo con Android 15. Tuttavia, non sarà un problema per i dispositivi Pixel 8 e Pixel 8 Pro, che supportano fino a 30W di ricarica.

Diagnostica Avanzata e Salute della Batteria

Android 15 non si limita a migliorare la diagnostica hardware, ma introduce anche nuove opzioni avanzate per la diagnostica della batteria e della memoria. Google sta lavorando da mesi verso una diagnostica più potente su Android, e con Android 15 arriveranno importanti ulteriori opzioni. Gli utenti potranno consultare statistiche avanzate sullo stato di salute della batteria, come il numero di cicli di ricarica effettuati, la data di fabbricazione, la capacità effettiva residua e il numero seriale.

Inoltre, sarà possibile condurre test per valutare l’efficienza del display e del touchscreen. Questi test prevedono l’esecuzione di operazioni specifiche per valutare l’efficienza dei componenti. Altre funzionalità interessanti riguardano la valutazione del dispositivo tramite un secondo smartphone. La procedura prevede la scansione di un codice QR per avviare i test sul dispositivo da valutare. Dopo la scansione, verranno avviati test per valutare il corretto funzionamento dei vari componenti fondamentali, come display, touch e batteria. Questa funzionalità è probabilmente pensata per coloro che si approcciano ad acquistare un dispositivo usato.

Stabilità della Piattaforma e Novità Future

Android 15 ha raggiunto un traguardo importante con la terza beta, pubblicata recentemente da Google. Questo traguardo rappresenta la stabilità della piattaforma, un valore fondamentale per i sistemi operativi in beta. Significa che le API sono finalizzate e gli sviluppatori possono iniziare a testare le loro app su una versione quasi definitiva di Android 15.

Una delle novità significative riguarda l’interfaccia utente delle passkey. L’utilizzo di passkey con autenticazione biometrica avviene ora in un unico passaggio, combinando la richiesta di Google Password Manager con la schermata di input biometrico. Sono state aggiunte nuove opzioni di fallback accessibili dai menu a tendina della tastiera e dei campi di testo, per superare accidentalmente la richiesta di passkey. Inoltre, Android 15 potrebbe identificare autonomamente quando un modello biometrico non funziona correttamente, eliminarlo e richiedere una nuova registrazione. Questa funzione, disponibile manualmente, potrebbe essere utile per migliorare le prestazioni biometriche.

Android 15 promette numerose novità e miglioramenti, tra cui miglioramenti delle notifiche, nuove opzioni di personalizzazione, ottimizzazioni per dispositivi pieghevoli e altro ancora. Con Google Gemini, Android 15 sarà inondato di nuove funzioni. L’aggiornamento finale dovrebbe essere rilasciato nei prossimi mesi, ma è già possibile scaricare la beta per avere un’anteprima delle novità.

Bullet Executive Summary

In conclusione, Android 15 rappresenta un significativo passo avanti nel panorama tecnologico moderno, introducendo strumenti di diagnostica hardware avanzati e migliorando la velocità di ricarica. La possibilità di diagnosticare autonomamente problemi hardware e la maggiore velocità di ricarica sono solo alcune delle novità che rendono Android 15 un aggiornamento atteso e rilevante. Con la stabilità della piattaforma raggiunta nella terza beta, gli sviluppatori possono iniziare a testare le loro app su una versione quasi definitiva, promettendo un’esperienza utente più fluida e sicura.

Una nozione base di tecnologia correlata al tema principale dell’articolo riguarda l’importanza della diagnostica hardware nei dispositivi mobili. La diagnostica hardware consente di individuare e risolvere problemi tecnici senza dover necessariamente rivolgersi all’assistenza tecnica, risparmiando tempo e denaro.

Una nozione di tecnologia avanzata applicabile al tema dell’articolo è l’uso delle API per la diagnostica avanzata della batteria. Le API permettono agli sviluppatori di accedere a informazioni dettagliate sullo stato di salute della batteria, consentendo di sviluppare applicazioni che possono monitorare e ottimizzare le prestazioni della batteria stessa.

Incoraggiamo i lettori a riflettere su come queste innovazioni possano migliorare la loro esperienza quotidiana con i dispositivi mobili e a considerare l’importanza di mantenere i propri dispositivi in buone condizioni di salute per prolungarne la durata e le prestazioni.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *