Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Importante: windows 11 rivoluziona il blocco note con il controllo ortografico e la correzione automatica

Microsoft trasforma il Blocco Note di Windows 11: controllo ortografico e correzione automatica per una scrittura più efficiente e moderna.
  • Controllo ortografico: sottolineatura rossa delle parole errate, con suggerimenti accessibili tramite clic destro.
  • Correzione automatica: gli errori comuni vengono corretti immediatamente durante la digitazione, con opzione di disabilitazione.
  • La funzione di esclusione permette di evitare il controllo ortografico su file con estensioni specifiche, come .md, .txt o .html.
  • WordPad verrà rimosso da Windows 11 nella versione 24H2 entro la fine dell'anno.

Microsoft ha recentemente annunciato una significativa novità per gli utenti di Windows 11: il Blocco Note, uno degli strumenti più semplici e utilizzati del sistema operativo, si arricchisce di due funzionalità attese da tempo. Parliamo del controllo ortografico e della correzione automatica, due aggiunte che migliorano notevolmente l’esperienza d’uso dell’applicazione. Queste nuove funzionalità sono state implementate per colmare un vuoto che esisteva da decenni, rendendo il Blocco Note un editor di testo più completo e moderno.

Dettagli delle nuove funzionalità

Il nuovo sistema di controllo ortografico nel Blocco Note di Windows 11 opera in modo simile a quello presente in altre applicazioni Microsoft come Word o Edge. Le parole errate vengono sottolineate in rosso, segnalando un possibile errore ortografico. Tuttavia, a differenza di Word, per visualizzare le proposte di correzione è necessario un click supplementare con il tasto destro del mouse sulla parola evidenziata. Una particolarità interessante è la possibilità per gli utenti di disattivare questa funzione a seconda del tipo di file su cui stanno lavorando. Ad esempio, se non desiderano suggerimenti ortografici per file con estensioni specifiche come .md, .txt o .html, è possibile escludere queste tipologie dalla verifica ortografica.

Oltre al controllo delle parole errate, Microsoft ha implementato anche una funzione di correzione automatica all’interno del Blocco Note. Gli errori più comuni verranno corretti immediatamente durante la digitazione, una funzionalità che può essere abilitata nelle impostazioni dell’applicazione. Gli utenti hanno comunque la libertà di disabilitare tale opzione per avere un maggiore controllo sul testo inserito.

Impatto e contesto storico

L’introduzione del controllo ortografico e della correzione automatica nel Blocco Note rappresenta una piccola ma significativa miglioria nell’utilizzo quotidiano del PC con Windows 11. Questo passaggio, atteso da anni, dimostra l’impegno continuo di Microsoft nel migliorare e rendere più completa l’esperienza d’uso dei suoi prodotti. Il Blocco Note, noto anche come Notepad, è stato lanciato per la prima volta nel 1983 come una versione semplificata di Word, e da allora è rimasto privo di funzionalità basilari di editing testuale.

Parallelamente all’introduzione delle nuove funzioni nel Blocco Note, Microsoft ha annunciato che rimuoverà WordPad da Windows 11 nella versione 24H2. Questo aggiornamento rappresenta un importante passo avanti nell’evoluzione del sistema operativo e segna la fine della strada per l’editor testuale storico presente nelle prime versioni di Microsoft.

Le nuove funzionalità in pratica

Il rilascio della nuova versione del Blocco Note è già in corso e sarà operativa a seguito di update minori regolari a cadenza settimanale. Gli utenti noteranno la presenza del controllo ortografico grazie alla sottolineatura rossa sotto alle parole con refuso. Basterà fare clic col tasto destro sulla parola sbagliata per aprire un sottomenu con le correzioni suggerite. La correzione automatica, invece, può essere attivata dalle impostazioni interne dell’app con un semplice clic o tap sul pulsante.

L’introduzione di queste nuove funzionalità coincide con la decisione di Microsoft di rimuovere l’app integrata WordPad da Windows 11 entro la fine dell’anno. Con queste nuove funzioni in crescita, il Blocco Note si candida a diventare l’editor di testo di riferimento per gli utenti di Windows 11. Tra le altre novità recenti troviamo il conteggio dei caratteri, la modalità scura, il supporto per le schede e l’integrazione con Copilot.

Bullet Executive Summary

L’introduzione del controllo ortografico e della correzione automatica nel Blocco Note di Windows 11 rappresenta un significativo passo avanti nell’evoluzione di questo storico editor di testo. Dopo 40 anni dal suo debutto, queste nuove funzionalità colmano un vuoto che esisteva da decenni, rendendo il Blocco Note un editor di testo più completo e moderno. La possibilità di personalizzare queste funzioni in base alle esigenze degli utenti dimostra l’impegno di Microsoft nel migliorare l’esperienza d’uso dei suoi prodotti.

In conclusione, l’aggiornamento del Blocco Note non solo migliora l’efficienza della scrittura, ma prepara anche il terreno per la rimozione di WordPad dal sistema operativo. Questo cambiamento riflette una tendenza più ampia verso la semplificazione e l’ottimizzazione delle applicazioni integrate di Windows 11. Con queste nuove funzionalità, il Blocco Note si candida a diventare l’editor di testo di riferimento per gli utenti di Windows 11, offrendo un’esperienza d’uso più ricca e completa.

Per chi è meno esperto di tecnologia, è interessante notare come il controllo ortografico e la correzione automatica possano migliorare significativamente la qualità della scrittura, riducendo gli errori di battitura e rendendo il processo di scrittura più fluido. Per chi è più esperto, queste nuove funzionalità rappresentano un ulteriore passo verso l’integrazione di strumenti avanzati di editing testuale all’interno del sistema operativo, offrendo un maggiore controllo e personalizzazione dell’esperienza d’uso.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *