Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Come Emilia 5 sta rivoluzionando la mobilità sostenibile?

Scopri come Emilia 5, il nuovo prototipo di auto solare, sta trasformando il futuro della mobilità grazie alla sua innovativa tecnologia e supporto europeo.
  • L'auto solare Emilia 5 ha cinque metri quadrati di pannelli fotovoltaici sul tetto.
  • Il peso totale di Emilia 5 è di soli 460 kg, con una velocità massima di 120 km/h.
  • Finanziato dall'UE con fondi del NextGenerationEU e del Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (PNRR).

Emilia 5, il nuovo prototipo di automobile a energia solare, è stato presentato al Museo Ferrari di Maranello, segnando un passo significativo verso un futuro più sostenibile. Con cinque metri quadrati di pannelli fotovoltaici sul tetto e due motori elettrici integrati nelle ruote, Emilia 5 rappresenta l’ultima innovazione del progetto Onda Solare, sviluppato dall’Università di Bologna in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore “A. Ferrari” di Maranello e il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile MOST.

Il progetto, finanziato dall’Unione Europea attraverso il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (PNRR), mira a rivoluzionare il settore della mobilità sostenibile. Con un peso di soli 460 kg e una velocità massima di 120 km/h, Emilia 5 è pronta a competere in importanti competizioni internazionali come il South Africa Solar Challenge e il Bridgestone World Solar Challenge in Australia.

Un Progetto Ambizioso e Innovativo

Emilia 5 non è solo un prototipo di auto solare, ma un vero e proprio simbolo di innovazione e sostenibilità. La vettura appartiene alla classe Cruiser, una categoria di auto solari progettate per essere pratiche e utilizzabili nella vita quotidiana. Il telaio e la totalità dei componenti sono realizzati in materiali compositi a base di fibra di carbonio, garantendo leggerezza e resistenza.

Il nome “Emilia” è un omaggio alla storica Via Emilia, una strada che ha sempre rappresentato un collegamento vitale tra diverse regioni italiane. Emilia 5 segue le orme dei suoi predecessori, Emilia 2, Emilia 3 ed Emilia 4, e si distingue per le sue caratteristiche tecniche avanzate e il design innovativo.

Un Impegno Europeo per la Mobilità Sostenibile

Il progetto GreenWave MOST, da cui è nata Emilia 5, è stato finanziato dall’Unione Europea con fondi del NextGenerationEU e del Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (PNRR). Questo progetto fa parte della Missione 4, Componente 2, Investimento 1.4, Progetto CN_00000023 Sustainable Mobility Center, che mira a promuovere la mobilità sostenibile attraverso l’innovazione tecnologica.

L’Unione Europea ha giocato un ruolo cruciale nello sviluppo di Emilia 5, fornendo non solo finanziamenti, ma anche supporto tecnico e logistico. Questo impegno dimostra l’importanza della collaborazione internazionale per affrontare le sfide globali legate alla sostenibilità e alla riduzione delle emissioni di CO2.

Prospettive Future e Competizioni Internazionali

I propositi del team di Emilia 5 sono ambiziosi. La vettura è pronta per affrontare il South Africa Solar Challenge a settembre, con l’obiettivo di vincere il prestigioso Bridgestone World Solar Challenge in Australia il prossimo anno. Queste competizioni rappresentano una piattaforma ideale per dimostrare le capacità tecniche e l’efficienza energetica di Emilia 5.

La partecipazione a queste competizioni non è solo una questione di prestigio, ma anche un’opportunità per testare e migliorare ulteriormente le tecnologie utilizzate. Ogni chilometro percorso e ogni ostacolo superato contribuiscono a rendere Emilia 5 una vettura sempre più efficiente e sostenibile.

Bullet Executive Summary

In conclusione, Emilia 5 rappresenta un passo avanti significativo nel campo della mobilità sostenibile. Questo prototipo di auto solare, sviluppato dall’Università di Bologna in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore “A. Ferrari” di Maranello e il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile MOST, è un esempio di come l’innovazione tecnologica possa contribuire a un futuro più sostenibile. Con cinque metri quadrati di pannelli fotovoltaici sul tetto, due motori elettrici integrati nelle ruote e un telaio in fibra di carbonio, Emilia 5 è pronta a competere in importanti competizioni internazionali e a dimostrare le sue capacità tecniche e l’efficienza energetica.

Una nozione di base di tecnologia correlata al tema dell’articolo è l’energia solare fotovoltaica, che converte la luce solare in elettricità utilizzando semiconduttori. Una nozione di tecnologia avanzata applicabile al tema dell’articolo è l’uso di materiali compositi a base di fibra di carbonio, che offrono un’elevata resistenza meccanica e leggerezza, migliorando l’efficienza energetica e le prestazioni del veicolo.

Questa innovazione non solo rappresenta un traguardo tecnologico, ma anche un simbolo di speranza per un futuro in cui la mobilità sostenibile diventerà la norma. Invitiamo i lettori a riflettere su come le tecnologie emergenti possano trasformare il nostro modo di vivere e a considerare l’importanza di sostenere progetti che promuovono la sostenibilità e la riduzione delle emissioni di CO2.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *